Italians Don't Drink Coffee

Italians Don't Drink Coffee

UN'ALTRA DOMENICA SENZA L'INFUSO ACIDULO

single post

I libri del garage

18 Settembre 2021

Nel mio periodo di caregiver, fra le altre cose, ho avuto il tempo per esplorare il garage dei libri accumulati dalla mia famiglia nel secolo scorso. Praticamente erano anni che nessuno li toccava, e bisognava decidere quali poter regalare agli amici, quali provare a vendere, e quali destinare al cassonetto. Pochissimi quelli da conservare. 

Mentre li catalogavo, pensavo a quella famosa frase di Umberto Eco – c’è sempre una frase di Umberto Eco, quando si parla di libri – che a quanto pare usava per rispondere ai visitatori stupefatti per la vastità della sua biblioteca: “Ma li ha letti tutti???”, gli chiedevano. “Non ne ho letto nessuno, altrimenti perché li terrei qui?” rispondeva il genio crudelmente. 

Giusto. Però a un certo punto bisogna pure leggerli questi cartacei; e se non tu non fai in tempo, dovrà pur leggerli qualche erede. E se l’erede sciagurato non legge affatto cosa succede? Beh, prima o poi, la loro vita fisica si esaurisce: è questo appunto che succederà ora ai libri del garage, molti dei quali appunto non sono mai stati letti da nessuno. 

Perché questa cosa, così naturale, mi fa venire una gran malinconia? In fondo si tratta di oggetti, fatti di un materiale inerte e riciclabile. Non sono mica esseri viventi; eppure i libri di carta, in un certo senso, sembrano avere un carattere ambiguo: sappiamo che non sono viventi, ma è come se in qualche modo avessero una specie di anima. Mentre li catalogavo infatti, immaginavo come potrebbe essere una storia che avesse come personaggi proprio questi libri; niente esseri umani, niente animali, niente creature fantasy, soltanto libri. Magari sarebbe un film di animazione, tipo Disney, o Pixar. La storia “Il garage dei libri” potrebbe iniziare con un Don Camillo di Guareschi che incontra Madame Bovary di Flaubert, e cerca di salutarlo (il libro, non la signora) ma lui – dall’alto della sua raffinatezza – non lo degna nemmeno di uno sguardo. Nel frattempo, Il Giocatore di Dostoevskij e Senilità di Svevo si incontrano come sempre per andare al loro bar preferito (dove lavora Il vecchio e il mare di Hemingway). Ecco, la lista parziale dei personaggi sarebbe questa: 

Guareschi, Corrierino delle famiglie. 

Guareschi, Noi del boscaccio. 

Fellini – Guerra, Amarcord. 

Daniel Pennac, La fata carabina. 

Mac Smith, Mussolini. 

Anna Marchesini, Moscerine. 

Marias, Domani nella battaglia pensa a me. 

Boncinelli – Giorello, L’incanto e il disinganno: Leopardi. 

Carlo Collodi, Le avventure di Pinocchio. 

Gustave Flaubert, Tre racconti. 

Truman Capote, Il giorno del ringraziamento. 

Ernest Hemingway, La breve vita felice di Francis Macomber. 

William Faulkner, Fumo. 

Alice Munro, Ortiche. 

Francis Scott Fitzgerald, il grande Gatsby. 

Lev Tolstoj, La sonata a Kreutzer. 

Joseph Roth, Fuga senza fine. 

Fedor Dostoevsky, Il giocatore. 

Henry James, Il carteggio Aspern. 

Julian Barnes, Controcorrente. 

John Fante, Rapimento in famiglia e altri racconti. 

Piergiorgio Odifreddi racconta Pitagora – Euclide. 

Gaudì, Opera completa. 

Gino dal Soler, The Circle is unbroken. 

Buonadonna, La pedagogia degli atteggiamenti. 

Rita Levi Montalcini, Elogio dell’imperfezione. 

Robert Louis Stevenson, Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde. 

Matilde Serao, Leggende napoletane. 

Aurelio Fierro, Storia della canzone napoletana. 

Luigi Boitani, Dalla parte del lupo. 

AAVV, I futuristi. 

Oscar Wilde, L’usignolo e la rosa. 

Dickens, Le avventure di Pickwick. 

Melville, Moby Dick. 

Simone de Beauvoir? Una donna spezzata. 

Heinrich Boll. Opinioni di un clown. 

Kundera, L’insostenibile leggerezza dell’essere. 

David Herbert Lawrence, L’amante di Lady Chatterley. 

Arthur Schnitzler, Doppio sogno. 

Vladimir Nabokov, Lolita. 

Henry Miller, Tropico del cancro. 

Boris Pasternak, Il dottor Zivago. 

Kafka, Il processo. 

Camus, Lo straniero. 

Edgar Lee Masters, Antologia di Spoon River. 

Edmondo De Amicis, Cuore. 

Marjorie Kinnan Rawlings, Il cucciolo. 

Durrell, Un albero pieno di koala. 

Bulgakov, Uova fatali. 

Tolkien, Lo hobbit. 

Stefano Benni, Bar sport. 

Piero Angela, Nel buio degli anni luce. 

Mark Twain, Le avventure di Tom Sawyer. 

Bukovski, Musica per organi caldi. 

Flaubert, Madame Bovary. 

Calvino, Perché leggere i classici. 

Luigi Dominici, Pennabilli: culla dei Malatesta. 

De Felice, Intervista sul fascismo. 

Luigi Pintor, Servabo. 

Vittorio Rubiu, La caricatura. 

Aristotele, Etica nicomachea. 

Voltaire, Candido o dell’ottimismo. 

Voltaire, L’ingenuo. 

AAVV, La tazza e il bastone: storie Zen. 

Edgar Allan Poe, La caduta della casa Usher. 

Borges, La morte e la bussola – Il giardino dei sentieri che si biforcano. 

Jerome, Three men in a boat. 

David Grossman, Costruire ponti per la pace. 

Alessandro Manzoni, Storia della colonna infame. 

Philip Roth, Il seno. 

Andrea G Pinketts, Io non io neanche lui. 

Esopo, Favole. 

Adriano Sofri, Memoria. 

Voltaire, Candido. 

AAVV, Poeti d’Italia: Pasolini e i moderni. 

Brancati, Don Giovanni in Sicilia. 

Jodorowsky, Quando Teresa si arrabbiò con Dio. 

Gorbaciov, Parliamoci. 

AAVV, Le mille e una notte. 

Paolo Fallai, Freni. 

Barry Seldes, Leonard Bernstein: vita politica di un musicista americano. 

AAVV (a cura di Robert arp), South Park e la filosofia. 

Baldazzi-Clarotti-Rocco, I nostri cantautori: storia, musica, poesia. 

Fritz Blattner, Storia della pedagogia. 

Vittorio Parlato, Le intese con le confessioni acattoliche: i contenuti. 

Elaine Pagels, Il Vangelo segreto di Tommaso. 

Ashley Kahn, Kind of Blue – New York 1959: storia e fortuna del capolavoro di Miles Davis. 

AAVV, I camuni: la più antica civiltà delle Alpi. 

Mario Lodi e i suoi ragazzi, Cipì. 

Emanuele Luzzati – Rita Cirio, Dipingere il teatro. 

Raffaele Simone, Fare italiano. 

Luca Monti, Grammatica e vita. 

Domenico Mamone, Il diritto romano: le istituzioni di gaio. 

Rabindranath Tagore, Uccelli migranti. 

Jimenez, Platero y yo. 

Betty Friedan, La mistica della femminilità. 

Guiducci, La mela e il serpente. 

Glover, Build up your English. 

Fortebraccio, Dalla nostra parte. 

Enzo Biagi, Germanie. 

Queneau, Suburbio e fuga. 

Omero, Odissea. 

Orwell, La fattoria degli animali. 

Marziola Pignatari, Il metodo Montessori. 

Anna Frank, Diario. 

AAVV, Lettere della resistenza europea. 

Don Andrea Gallo, Così in terra come in cielo. 

Bukovski, Pulp. 

Quentin Tarantino, True romance. 

Isabella Santacroce, Destroy. 

Banana Yoshimoto, NP. 

Daniel Pennac, Signor Malaussene. 

Rosario Villari, Storia contemporanea. 

Rimbaud, Tutte le poesie. 

Verlaine, Poesie. 

AAVV (a cura di Nando Cecini), Gabicce: Un paese sull’Adriatico tra Marche e Romagna. 

Arturo Maria Brunelli, Poesie. 

Bob Dylan, Blues ballate e canzoni. 

Omar Khayyam, Quartine – Rubaiyat. 

Evtushenko, Poesie d’amore. 

Mallarmé, Tutte le poesie. 

Eluard, Poesie. 

Gino Bonola, Poesie del tempo. 

André Malraux, I conquistatori. 

Caterina Piacenza, Quel libro blu. 

Lajolo, Il voltagabbana. 

Giovanni Guareschi, Don Camillo. 

Mosca, Ricordi di scuola. 

Basso, La siepe dei fichi d’india. 

Micheletti – Saidou Moussa Ba, La promessa di Hamadi. 

Balboni, Le sfide di Babele. 

Cechov, Reparto numero 6. 

Joseph Machlis, Introduzione alla musica contemporanea. 

Pirandello, Sei personaggi in cerca d’autore. 

Prandello, Il giuoco delle parti. 

Pirandello, Così e (se vi pare). 

Pirandello, La favola del figlio cambiato – I giganti della montagna. 

Pirandello, Liolà. 

Pirandello, Enrico IV. 

Maurizio Ferraris racconta Socrate, Platone, Aristotele: La scuola di Atene. 

Odifreddi racconta Einstein e la relatività. 

Vattimo racconta Heidegger e la filosofia della crisi. 

Umberto Curi racconta Marx e la rivoluzione. 

Paolo Rossi racconta Newton e la rivoluzione scientifica. 

William Shakespeare, Otello. 

William Shakespeare, Re Lear. 

William Shakespeare, Macbeth. 

William Shakespeare, Amleto. 

William Shakespeare, Romeo e Giulietta. 

William Shakespeare, Amleto. 

William Shakespeare, la tempesta. 

Pirandello, Il berretto a sonagli – La giara. 

Carlo Goldoni, La bottega del caffè. 

Goldoni, I due gemelli veneziani. 

Goldoni, Il Campiello. 

Goldoni, Il servitore di due padroni. 

Goldoni, La locandiera. 

Goldoni, Il teatro comico. 

Gogol, Le veglie alla fattoria di Dikanka. 

Voltaire, Zadig. 

Conrad, la linea d’ombra. 

Tolstoj, Due ussari. 

Stendhal, La badessa di Castro. 

Melville, Benito Cereno. 

Pasolini, Poesie. 

Caproni, Poesie. 

Montale, Poesie.  

Ungaretti, Poesie.  

Umberto Saba, Poesie.  

Gozzano, Poesie.  

D’Annunzio, Poesie.  

Salvatore di Giacomo, Poesie. 

Pascoli, Poesie.  

Giuseppe Gioachino Belli, Poesie.  

Alessandro Manzoni, Poesia.  

Leopardi, Poesie.  

Ugo Foscolo, Poesie.  

Giuseppe Parini, Poesie.  

Torquato Tasso. Poesie. 

Ludovico Ariosto, Poesie.  

Francesco Petrarca, Poesie.  

Dante Alighieri, Poesie.  

Dickens, Oliver Twist.  

Andersen, 40 novelle.  

Tobino, La ladra.  

Kafka, America.  

Svevo, La coscienza di Zeno.  

Graham Greene, Il nostro agente all’Avana.  

Edgar Allan Poe, Racconti.  

Morante, L’isola di Arturo.  

Cronin, Le chiavi del Regno.  

Buzzati, Il deserto dei tartari.  

Steinbeck, La valle dell’Eden.  

Bradbury, Cronache marziane.  

Dario Fo, Ballate e canzoni.  

Luigi Garbini, Breve storia della musica sacra.  

Danilo Mainardi, Un innocente vampiro.  

Walter scott, Ivanhoe. 

Piero Chiara, La stanza del vescovo.  

Vasco Pratolini, Le ragazze di Sanfrediano.  

Hermann Hesse, Narciso e Boccadoro.  

Hemingway, Il vecchio e il mare.  

Stanislao Nievo, Il prato in fondo al mare.  

Sciascia, A ciascuno il suo.  

Hermann Hesse, Sull’amore. 

Hermann hesse, Siddharta.  

Hermann Hesse, Piccole gioie.  

Herman Hesse, Racconti brevi.  

Buona domenica. 

single post